Loading...
Vous etes ici :  Accueil  >  Tribune Lingua Corsa

Tribune Lingua Corsa

Tempu di scelta

Vene appena strana di vulè scrive à nantu à un sugettu chì pare d’interessu à un mumentu datu, quandu si sà chì u prupositu hà da esse, à tempu publicatu, trapassatu digià.  

                     Petru Santu Menozzi

Quand’ellu escerà issu testu, l’attualità ch’ellu ammenta o a dumanda, forse ch’elle saranu scurdate à fattu, inghjotte da una urgenza altra ; a situazione sarà riesciuta à disciuplicà si in u frattempu, o averà persu u so carattere di primura. Detta quessa, cum’è un avertimentu da privene chì ùn ci avvicinemu micca ogni volta à a pertinenza quandu si cerca à dì, si pruverà quantunque à fà qualcusella.

Da quì à qualchì settimana, e frebbe di a campagna eletturale, s’elle ùn saranu ammattate, si saranu omancu appaciate è si cunnoscerà i nomi di i deputati, puru s’ellu si pò pensà chì l’imbrogli anu da cuntinuà da permette ch’ella si custituisca una maiurità à favore di u prugettu presidenziale. Ùn ci hè bisognu, di altronde, à esse induvinu da imaginà e difficultà per ch’elli si cuntressinu quelli chì volenu à tutti i patti cunservà l’identità di i so partiti minacciati da e spezzature è l’altri incaminendu si ver’di spazii di cunvergenza. Ma si hè avvistu omu chì in u sciuglimentu di e situazione, u Presidente novu, avia u sensu di a dramaturgia (basta à pensà à u Louvre o à a passazione di putere) è ammaestrava propriu l’arte di u – falzu – « suspense » (a numinazione di u Primu ministru). Tandu, s’è no ci demu un pocu à a pulitica fizzione, anticipendu forse i resultati, figurendu ci chì per isse legislative ci ne fussi unu o di più deputati venuti da u muvimentu naziunalistu à avvià si ver’di l’Assemblea parigina, ci vene una interrugazione. Quella di sapè di chì manera si puderianu cumpurtà.

 

Punti particulari

Ma prima, bisogna à vultà à l’iniziu. Da mutivà una prisenza à e legislative chì, hè stata ripetuta parechje volte, ùn era mentre un tempu longu una decisione chì andava cù i so pedi, basterà à prisentà isse candidature, di una banda, cum’è s’elle si iscrivianu in a logica sola di e vittorie eletturale precedente – s’impiega ancu quì a parolla « revuluzione » da qualificà le – chì cumanderianu una participazione à issu scrutinu, pensendu ch’ella veneria naturale dopu à a Cullettività territuriale. Di l’altra banda, basterà solu à arrimbà una campagna à e solite rivendicazione isulane purtate dapoi dui anni è chì ùn anu ancu trovu propriu u so sboccu, senza allargà u so orizonte. In un certu modu hè ciò chì hè statu sottulineatu da un cumunicatu publicatu di maghju scorsu da a « Manca naziunale » chì interrugava à nantu à unipochi di punti particulari u parè è a pusizione di i candidati naziunalisti. Isse legislative puderianu dunque dinù esse per elli u mumentu di schjarificà una linea pulitica è ideulogica chì li fussi propria è in u listessu tempu in cunsunanza cù un prugettu chì strazieghja appena à esse palisatu, chì u cusì dettu pragmatisimu ùn pò fà sempre da bussula. Li tuccherà à custruisce o à mudificà discorsi à nantu à sugetti è cartulari chì forse ùn sò tanti avvezzi à trattà è chì riguardanu l’inseme di u territoriu francese (a riforma di u Codice di u travagliu per indettu) o a pulitica internaziunale è e so sfide. Ci vole à ramintà la quantunque, e legislative sò elezzione « naziunale », è per via di quessa a so futura attività parlamintaria, s’elli sò eletti, hà da esse podassi l’occasione di definisce pusizione precise, ch’ella fussi à u mumentu di un votu, di una presa di parolla, di una pruposta di amendamentu. L’inseme di’sse azzione daranu un culore, una orientazione pulitica difficiule à percepisce oghje. Piglià in cunsiderazione isse tematiche hè bella sicura un obligu per chì cumpete in scrutini simuli, è po participeranu à arricchisce u dibattitu, si spera in tutti i casi.

 

Pasquale sarà fiaccu

Chì, finu à avà, invece, eramu ciuttati à mezu à e vicende – per ùn dì micca cumbriccule – liate à una manera di fà a pulitica alluntanata assai da u mudellu vantatu duve si discorre di più di calculi, di ego è di arbitragiu chè di prugramma. Ma puderiate dì ch’elle sò e debbulezze di tutt’ognunu. In issu cuntestu, è postu ch’ella hè sempre à a moda di rivendicà si di u XVIIIu seculu, cuprendu si cù u so mantu gluriosu, fendu cum’è s’ellu era una riserva di citazione dispunibule da adurnà i discorsi – u tintu di Pasquale sarà ancu fiaccu di tante sullicitazione è cunvucazione chì si puderianu assumiglià à u « Quale puderia imaginà u generale… » di e presidenziale scorse – ci piatteremu noi dinù sta volta daretu à a penna di un altru. Quella di Sebastianu Costa, puru s’ellu era parziale è pretensiunutu una cria, chì scrisse « ma se per avventura l’amor proprio vi signoreggia, la ruina è irreparabile ». Da medità soca.


Facebook Iconfacebook like buttonTwitter Icontwitter follow button